Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Mostra di Mascherini e la scultura europea del novecento

Christiane Apprieux
(4.09.2007)

Facendo una passeggiata con mio marito sulla riva Nazario Sauro di Trieste ho potuto ammirare lo stupendo edificio dell’Ex Pescheria Centrale, ristrutturato nel 2006 dal Comune, adibito a spazio polifunzionale per attività artistico-culturali. In questo periodo si tiene la mostra di Mascherini e la scultura europea del novecento, fino al 14 ottobre 2007. La mostra è dedicata dalla città di Trieste a Marcello Mascherini (1906-1983), uno dei più grandi scultori del secolo scorso, in occasione del centenario della nascita. Una esposizione delle sue opere più significative, anche mettendolo a confronto con altri grandi scultori come Arturo Martini, Luciano Minguzzi, Ivan Mestrovic, kenneth Armitage...

Marcello Mascherini è nato a Udine nel 1906 e si trasferisce con la famiglia a Trieste nel 1910. Nel 1919 s’iscrive alla sezione “Scultori ornatisti” dell’Istituto Industriale Volta, dove è allievo di Alfonso Canciani. Nel giro di pochi anni diventa uno dei protagonisti della scultura triestina. Nel 1931 partecipa alla Quadriennale di Roma. Dal ’34 espone alla biennale di Venezia che nel ’38 gli dedica una sala personale facendo di lui la rivelazione della giovane scultura italiana. Negli anni quaranta inizia a collaborare con importanti progettisti navali a Trieste, tra cui Gustavo Pulitzer Finali. Nel 1948 viene nominato socio dell’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1950 vince il “Gran Premio” per la scultura alla biennale di Venezia e rimane tra l’altro l’unico scultore italiano a averlo ricevuto. A Parigi incontra Ossip Zadkine e nel 1953 tiene una mostra personale alla Galerie Drouant-David. Dal 1955 vive nella casa-studio di Sistiana ma continua un’intensa attività espositiva partecipando a importanti rassegne nazionali e estere. Muore a Padova il 19 febbraio del 1983.

La mostra ha tanti temi, quanti i talenti dell’artista, dai ritratti ai bronzetti, dalle bagnanti alle figure mitologiche, dall’ispirazione classica al modernismo degli anni cinquanta.
Alla fine della bellissima mostra, nel fondo della sala, accanto alle sue opere del 1970, si può vedere un video di un’intervista fatta proprio a casa sua, nel suo atelier, dove la materia di vita è la scultura, l’arte.
La mostra merita il viaggio a Trieste per incontrare l’opera di un maestro di scultura. Maestro d’arte. Maestro di vita.


Gli altri articoli della rubrica Scultura :












| 1 | 2 |

26.04.2017