Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Catalogo


Christiane Apprieux

Le langage de la matière

L’opera pittorica di Christiane Apprieux brilla e si staglia, come un diamante, sulla stoffa ignota della nuova era artistica, ne è il concentrato più ammirevole, di ciò che spinge ancora più lontano l’esigenza dell’approccio originario del reale. Infinitamente complessa e semplice, sospesa e pertanto fertile in sorprese, pressoché invisibile ben che prodigiosamente varia nei suoi effetti figurali, essa si propone all’ascolto, e non più al silenzio o al brusio degli ornamenti.

L’astrazione di Christiane Apprieux non ha nessun interesse per la riproducibilità tecnica della rappresentazione del mondo. L’opera non accetta né rifiuta la rappresentazione. Non è l’immagine che è sacrificata affinché il reale avvenga nel gesto artistico, come in tanta iconoclastia contemporanea. È la rappresentazione che si dissipa nell’instaurarsi dell’immagine, appartenente all’originario, al sacro della parola. Oltre la consacrazione e l’esecrazione dell’immagine.

Christiane Apprieux è artista di una modernità assoluta, la sua opera non appartiene alla contemporaneità, al sincronismo degli artisti come braccio biiettivo del corpo sociale pensante, che si pensa oggi come critica del feticismo del risultato, con i suoi corollari di mistero e di segreto della materia. L’opera è ciò che resta, tale è la nozione d’opera di Christiane Apprieux, che non ammette il discorso dei risultati e la loro partita doppia che manca l’unicum. In tal senso, il linguaggio della materia dell’artista è al di là di ogni possibile o impossibile conoscenza delle cose.
Il linguaggio della materia di Christiane Apprieux, senza ombra dinanzi, senza compromesso con le ideologie, risulta leggero, libero, felice.

La nota di lettura in italiano e in francese dell’opera di Christiane Apprieux è di Giancarlo Calciolari.

Christiane Apprieux, nata a Cognac (Francia), pittrice, lettrice d’arte e di cultura, è codirettore di “Transfinito”.

Libro di formato 21 x 29,7
45 illustrazioni a colori
68 pagine.
euro 14,40
file download euro 4.00

[carrello]


Gli altri libri del catalogo :






































































19.05.2017