Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

"Proof"

Marina Monego
(12.09.2006)

La ventisettenne Catherine ha scelto di assistere in casa il padre Robert, geniale matematico colpito da una forma progressiva di pazzia. Per cinque anni si è dedicata a questo compito, tralasciando gli amati studi - ha ereditato parte del talento paterno - e finanche se stessa, il suo aspetto, gli amici e la vita libera che prima poteva condurre.

Alla morte del padre si ritrova disorientata e depressa, dimessa e trascurata nell’abbigliamento, frastornata in una grande casa vuota, dove tutto parla della presenza condizionante del genitore e il suo fantasma sembra venire a colloquiare con lei.

Catherine ha visto la progressiva decadenza fisica e mentale di colui che negli ambienti accademici viene considerato tuttora un mito, una sorta di idolo, lei sa quali sacrifici ciò abbia comportato e quali solchi le abbia tracciato nello spirito un’esperienza simile.

Robert viene visto come un semidio anche da Hal, un giovane studente che ha incominciato a frequentare la casa di Catherine per esaminare i più di cento quaderni d’appunti, la maggioranza demenziali, lasciati dal professore. Sua speranza è ritrovarvi qualche nuova scoperta, una traccia di lucidità, poiché è difficile credere che una sì brillante mente possa essersi spenta in quel modo e abbia degenerato nella grafomania.

Solo Catherine sa che cosa abbia significato vivere per cinque anni con lui, illudersi in una guarigione durante un prolungato periodo di benessere e poi vederlo ripiombare nel suo mondo di visioni, occuparsi di lui nelle faccende più prosaiche, rinunciare a se fino venire completamente travolta nel meccanismo dell’amore-doverizzazione. E alla fine fare i conti con il dolore della perdita, ma anche con un innegabile senso di liberazione e sollievo.

JPEG - 280.2 Kb
Christiane Apprieux, "La forza dell’elemento", 2009, bronzo a cera persa


Catherine è, all’inizio del film, come racchiusa in una bolla dalla quale non riesce a comunicare né con Hal, troppo preso dal suo entusiasmo per il privilegio di scartabellare tra i documenti del grand’uomo, né con Claire, la sua superficiale sorella, venuta appositamente da New York a Chicago per assistere ai funerali e intenzionata a vendere la casa, affinché divenga un museo. Ella invita pressantemente Catherine a trasferirsi a New York, dove ritiene potrà venire curata dalla depressione, lasciando intendere un desiderio di liberarsi della scomoda sorella, considerata inaffidabile e destinata probabilmente a finire come il padre.

Claire vive un innegabile senso di colpa per non aver aiutato Catherine nell’assistenza al genitore, per non esser mai stata presente in casa, lei è la sorella intraprendente, quella che ha fatto carriera, inviato denaro, ma non si è sacrificata come Catherine. Dai dialoghi si capisce bene come le due parlino senza comunicare davvero, vivono realtà e situazioni molto differenti.

Claire ritiene che Robert avrebbe potuto esser curato in un’apposita struttura, in cui Catherine si è sempre rifiutata di farlo ricoverare, pagandone un alto prezzo in qualità della vita.
Il colpo di scena si ha quando Catherine fa ritrovare a Hal un quaderno con un’importantissima teoria matematica. Era rimasto chiuso in un cassetto della scrivania del professore e, di fronte agli allibiti Hal e Claire, Catherine rivela di essere lei l’autrice dei calcoli, non il padre.

Il mondo sembra crollarle addosso quando non viene creduta.
La sua scrittura e quella di Robert sono quasi uguali, per Hal quel quaderno costituirebbe la dimostrazione che l’ingegno del grand’uomo non s’era del tutto spento durante glli ultimi anni della sua vita.

La mancanza di fiducia delle due persone che dovrebbero esserle più vicine fanno piombare Catherine in un mutismo assoluto, proprio quando aveva ricominciato ad acquistare speranza e ad uscire dal proprio chiuso mondo durante una dolce notte d’amore con Hal.
Catherine diviene una sorta di automa, Claire la convince a partire per New York con lei, tutto sembra esserle indifferente. Il riconoscimento della paternità dello scritto e quindi delle sue capacità le avrebbe dischiuso le porte del mondo accademico e avrebbe contribuito a farla rinascere dopo anni di silenzio ed emarginazione. Sarebbe esistita anche lei, con la sua originalità, e non solo il grande matematico defunto.

Proprio quando sembra essersi rassegnata a tutto, Hal, che si è consultato con eminenti studiosi, si dimostrerà fiducioso verso di lei e Catherine si aprirà poco a poco alla vita.

Tratto da una rappresentazione teatrale, il film mette in scena pochi personaggi ben studiati, tra i quali spiccano il professor Robert (Anthony Hopkins) e Catherine, interpretata da una Gwynet Paltrow graziosa e tormentata.
Due sono i rapporti principali a venir considerati: quello tra genialità e follia e quello tra padre e figlia.

Se la genialità può in qualche modo trasmettersi geneticamente, in questo caso in Catherine - Claire è molto più limitata, scrive sempre lunghe liste delle cose da fare e poi le spunta man mano che le ha realizzate, ha la vocazione della contabile - vien da chiedersi se anche una vena di pazzia non sia insita nella genialità stessa.
Il sospetto che Catherine sia destinata alla stessa fine paterna s’insinua nelle persone che stanno a contatto con lei, ella stessa teme questo rischio, tanta è la stanchezza accumulata e il disorientamento in cui si trova.

Forse inizialmente, ormai abituata alla condizionante presenza paterna, non sa quasi che farsene della propria libertà e della vita che ha davanti. I ritmi della follia le erano entrati nel sangue.

Il legame con Robert era molto forte - un rapporto tra affini - ma ha rischiato di stritolarla. Il professore, dal canto suo, ha vissuto un’odissea penosa alternata a fasi di lucidità, è stato vittima di un male inesorabile e subdolo e contemporaneamente carnefice della persona che più gli è stata accanto.

La sua sorte - per età, per legge naturale, per destino - era segnata, ha rischiato di trascinare con se anche la figlia, che nel periodo oscuro della depressione e della fatica esistenziale è riuscita, forse come forma ultima di salvezza, ad elaborare una scoperta importante quanto quella paterna.


"Proof"
Regia: John Madden
Soggetto e sceneggiatura: David Auburn
Direttore della fotografia: Alwin H. Kuchler
Montaggio: Nick Audsley
Interpreti principali: Gwyneth Paltrow, Anthony Hopkins, Hope Davis, Jake Gyllenhall
Musica originale: Stephen Warbeck
Produzione: Hart/Sharp
Origine: Usa, 2005
Durata: 100’


Marina Monego, Venezia, letterata.


Gli altri articoli della rubrica Cinema :












| 1 | 2 | 3 |

19.05.2017