Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

All’ombra della vita di Dino Campana

Gabriel Cacho Millet. "Le lunghe braccia dell’autunno"

Paolo Pianigiani

È appena uscita per i tipi di Mauro Baroni Editore in Viareggio, l’ultima opera teatrale di Gabriel Cacho Millet: Le lunghe braccia dell’autunno. Fa il paio, questo lavoro, con un’altro, uscito a Roma nel 1977, che ha titolo Quasi un uomo, un monologo con protagonista Dino Campana.

(5.04.2010)

Chiude il cerchio e definisce, nei dettagli e negli impeti, la figura della poetessa e autrice di romanzi Rina Faccio, in arte e per il mondo Sibilla Aleramo.

Per Gabriel Cacho Millet, studioso del Poeta di Marradi, avvicinato e conosciuto attraverso i documenti e le lettere, inseguiti per tutta una vita, non hanno mistero i caratteri e le figure che intorno a Dino hanno girato, hanno vissuto e hanno amato. Per questo sono vivi e reali i personaggi che si muovono sulla scena, e le parole, invece che disperdersi nella finzione del teatro, sono parole vere.
In questo testo teatrale Sibilla Aleramo incontra, corre l’anno 1936, un altro giovane poeta, Franco Matacotta. Gli anni: lei 60, lui non ancora 20.

Un racconto di dialoghi che ha per sfondo unico e solo la soffitta, mitica, di via Margutta, casa rifugio della poetessa, santuario di libri e di ricordi, contenuti questi nel baule delle carte, quello dove Sibilla raccoglieva con la passione della collezionista, le lettere scambiate con gli amanti, traccia e testimonianza della sua vita appassionata. Per pescarci poi, quando le serviva, immagini e frasi per i suoi testi poetici o i romanzi, a darci sensazioni che solo le cose vissute sanno dare.

I due protagonisti acquistano densità e carattere nel farsi dei dialoghi, nel continuo alternarsi delle voci e dei silenzi. E della poesia, che percorre il testo come una costante. Un Pierrot, memoria implacabile dell’ieri, esce a tratti dal nulla e prende vita solo per lei. Esce forse dal baule, casa dei ricordi. Franco arriva in visita alla celebre Poetessa da un paesino delle Marche, Fermo, dopo un approccio per lettera, come lo fu per Campana (ma quella volta a scrivere per prima fu Sibilla). È uno studente, che vuol diventare poeta, di chiaro ha solo questo e il titolo della sua tesi, già fissata prima di dare un solo esame: Ungaretti, Campana e Sibilla Aleramo.

Dopo l’incontro e il primo farsi dell’amore, il testo teatrale sbalza i due protagonisti di dieci anni, non ci racconta questo lungo periodo di viaggi e di pause, di alti e di bassi. Ci porta, dopo un sipario di rumori di guerra, a quando, nella stessa soffitta, i due si ritrovano dopo una breve separazione. Franco ha disertato e si è unito ai partigiani, è in visita a Roma, i tedeschi infuriano sulla città, Sibilla ha paura di perderlo. E lo perde, l’esperienza della guerra, e lo svolgersi della vita lo portano lontano dalla donna, che lo ha amato per dieci lunghi anni.

La fine è descritta, nella seconda parte del testo teatrale, con un dialogo rarefatto, allucinato, dove le promesse fatte e non mantenute sono per Franco motivo di abbandono e di chiusura: un fallimento, sia di vita che di poesia.

Per Sibilla sempre tutto si salva, tutto ha senso in nome dell’amore dato e ricambiato. Ma Franco ormai in lei vede solo il tempo passato e la necessità di liberarsi dai ricordi. Sibilla rimane sola, dopo la storia più duratura di tutta la sua lunga vita di amori esplosivi e tutti finiti male.

JPEG - 437.5 Kb
Christiane Apprieux, "Canti orfici", acrilico e foglia oro su tela, cm 33x24 (57x47)

Paolo Pianigiani. Firenze-Praga. Pittore, scrittore, redattore di "Transfinito".

Articolo scritto per il sito : www.campanadino.it


14.2.2006


Gli altri articoli della rubrica Teatro :












| 1 | 2 |

14.09.2017