Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

L’informatica senza più catastrofismo

La catastrofe informatica? Leggere Paul Virilio

Matthias Colognese

Paul Virilio nel libro L’incidente del futuro (Raffaello Cortina) svolge un’elaborazione sulla pericolosità della tecnologia.

(25.08.2009)

Leggere Paul Virilio porta ad interrogarsi sulla parola "politica". Il senso della parola "politica" è quello di mettersi in relazione con gli altri.
Purtroppo il mondo della politica è molto spesso pericoloso e violento.

Paul Virilio nel libro L’incidente del futuro (Raffaello Cortina, 2002, pp. 92, € 7,50) svolge un’elaborazione sulla pericolosità della tecnologia.

La tecnologia ha fatto numerosi passi avanti nella "modellazione", nel senso che i prodotti sono sempre più piccoli, comodi, utili e quindi più veloci.

L’informatica sta facendo molta strada e in effetti una volta i computer erano grandi come degli armadi, mentre al giorno d’oggi sono piccoli, veloci, utili, pur mantenendo la stessa tecnologia.

La tecnologia, quindi, non è cambiata come tante persone dicono, ma neanche la politica non è cambiata, altrimenti non avremo tutti questi problemi che esistono al giorno d’oggi.

Questo è uno dei "piccoli problemi" che possiede la politica come vita sociale e questo conduce ad essere violenti per una nostra credenza e fedeltà al partito politico, creando problemi non solo a noi stessi ma anche all’umanità.

JPEG - 202.3 Kb
Hiko Yoshitaka, "Omaggio a Piazza Armerina", 2007, bronzo a cera persa

Dalla teoria della relatività di Einstein, Oppenheimer inventa la bomba atomica.
Einstein è stato considerato pazzo da molte persone, ma perché? Per la pettinatura che portava? Per il suo comportamento e per il suo modo di agire con gli altri?

Il fatto è che Einstein ha stupito tutti per la sua teoria. Era uno degli uomini più intelligenti che c’erano a quei tempi, uno scienziato che ha lasciato il segno.

Noi non pensiamo mai alle conseguenze che potrebbe causare una guerra. Non è un caso che Einstein e Freud si sono interrogati sul "perché la guerra".

La Prima Guerra Mondiale è stata disastrosa per il mondo. La Seconda Guerra Mondiale è stata a dir poco devastante.

La Terza Guerra Mondiale, se scoppierà, che conseguenze potrebbe avere sull’umanità, visto che si combatterà con bombe chimiche e biologiche?

Paul Virilio attribuisce alla predominanza della tecnologia nel mondo occidentale l’emergenza dei vari incidenti.

Quindi la responsabilità viene attribuita alle macchine che più all’uomo. Perché? Chi è che costruisce le macchine?

L’uomo purtroppo pare nato per distruggersi con i suoi simili e pare che non ci sia verso di cambiare la natura. Questo, secondo me, questo è uno dei tanti misteri della vita.

Quindi è inutile sperare che ci sia un domani la pace nel mondo perché la pace nel mondo non ci sarà mai, come idealità da realizzare. La pace richiede ben altro.

È in questo senso che va letto l’appello che Paul Virilio ha scritto? "Dobbiamo stare attenti su come agire perché se commetteremo una sola piccola stupidaggine il futuro non avrà un avvenire".

C’è un’incapacità di socializzare non perché abbiamo il colore della pelle diversa o altro ma perché non siamo in grado di pensare, di ragionare e di agire in modo razionale. Mentre Paul Virilio attribuisce l’incidente del futuro a questa finzione della macchina che si è impadronita dell’uomo.

Della politica che va bene ed è furba nell’economia e nel commercio in alcune zone del mondo, c’è da diffidare e, come dice Paul Virilio, ci sarebbe da diffidare del fondamentalismo tecnoscientifico che sta trasformando la realtà in telerealtà, e il cittadino in una marionetta telediretta.

Ma perché non sia possibile dopo tutti questi anni di guerra di individuare e risolvere i problemi, richiede forse anche altre risposte rispetto alla conoscenza degli incidenti che verranno e del modo di evitarli. Forse le questioni andrebbero affrontate prima.

Qual è l’idea di Paul Virilio sull’incidente? La tecnica è condannata a servire il male? Di quale tecnica si potrebbe fare a meno al giorno d’oggi?

Quale natura potrebbe mai esistere senza la tecnica? Qual è la vita secondo Paul Virilio senza la tecnica, quella della società agricola? E l’invenzione delle pecore ha il lupo come incidente?

Forse non c’è da attendersi nessun futuro dai grandi sacerdoti di un progresso iconoclasta e nemmeno dai piccoli sacerdoti di un regresso naturalista.

Matthias Colognese, informatico, ricercatore, è nato a Verona nel 1985.



13 febbraio 2005


Gli altri articoli della rubrica Informatica :










8.05.2017