Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


TRANSFINITO International Webzine

La giustizia, il giudizio, la sentenza, nonché la fiducia, la ricchezza, la riuscita, nonché la gelosia, l’invidia, la sicurezza, nonché l’intervento cifrematico, l’intervento giudiziario

Armando Verdiglione
(14.12.2017)

Avevamo lasciato le lucciole volare e disegnare nell’aria i loro sprazzi. La
condizione del volo è l’arcobaleno della giustizia. Le lucciole non assolvono un
servizio sociale. Non volano e non mandano il loro chiarore senza l’arcobaleno della
giustizia.

La giustizia: il modo d’intervento del punto e del contrappunto, quindi il rigore (lo
stile) e la follia. L’intervento del punto e del contrappunto è la provvidenza. Il punto
e il contrappunto, l’insecabile, l’atomo, l’individuo.

La giustizia non si amministra né si somministra. L’amministrazione della
giustizia volge la giustizia in una funzione sociale, quindi la sottopone alla
burocrazia e alla mentalità degli officianti.

La giustizia – modo d’intervento del sembiante (dello specchio, dello sguardo,
della voce), modo d’intervento del colore dello specchio, del colore dello sguardo, del
colore della voce, la giustizia nel suo arcobaleno – è condizione dell’invenzione e
dell’arte, condizione della struttura, della memoria, condizione, anche, del giudizio.

La “giustificazione” scambia la verità con la severità, con la verità come causa
finale. L’idea che ognuno ha della causa è l’idea di padronanza senza la causa. E
l’idea di padronanza senza la causa è l’idea intenzionale, l’idea finale, l’idea della
verità come causa finale.

La giustificazione: l’idea agisce nell’economia del tempo e dell’Altro,
nell’economia della negativa del tempo e della negativa dell’Altro. E la giustizia,
negata, si rende sociale. Ovvero, la follia e il rigore, idealmente negati, sono attribuiti
all’Altro e al tempo.

Lo stato senza giustizia è lo stato ideale, ovvero lo stato reale, lo stato in tutto il
suo terrore e in tutto il suo panico.

Leggere il testo integrale

La giustizia, il giudizio, la sentenza, nonché la fiducia, la ricchezza, la riuscita, nonché la gelosia, l’invidia, la sicurezza, nonché l’intervento cifrematico, l’intervento giudiziario

[Il testo è una trascrizione non rivista dall’Autore e uscirà in versione definitiva in un prossimo e-book.]


Gli altri articoli della rubrica Storia :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 |

8.01.2018