Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Il dispositivo, il progetto, il programma, nonché la connessione, l’idea religiosa, il laicismo, nonché il capo, il cervello, la mano, nonché l’Europa, il cosmo, la città

Armando Verdiglione
(27.07.2017)

Tu, io, lui: nonché lo specchio, lo sguardo, la voce. Il singolare è assoluto: il
singolare di cui nessuno ha l’idea. Il singolare di cui “ognuno” possa avere l’idea è la
“singolarità” tributaria dell’idea del nulla. È di questa singolarità che si fantastica e si
fa propaganda nella nostra epoca.

Tu, io, lui: il singolare come condizione non è l’“universale singolare”, ma il
singolare senza più universale. Singolare la condizione del dispositivo di parola.
Condizione anche della struttura, condizione della memoria, condizione
dell’annunciazione, della memoria come annunciazione. Il dispositivo è
contraddistinto dalle stesse virtù della parola, dalle virtù del principio della parola:
dispositivo arbitrario, libero, leggero, neutrale, integro, dispositivo intellettuale.
Dispositivo inordinale e inordinario. Dispositivo tensionale, ovvero dispositivo della
domanda. Dispositivo pulsionale: dispositivo di forza, dispositivo rivoluzionario.
Il dispositivo è cifrematico e segue la mano: procede dall’apertura, secondo il
numero, secondo la particolarità. Dispositivo della struttura, dispositivo della
scrittura. Dispositivo orale, dispositivo narrativo. Dispositivo di ascolto. Dispositivo
immunitario. La solidarietà e il patto sono dispositivi intellettuali, non già dispositivi
della confraternita. Dispositivo di cura. Dispositivo dell’arte e dell’invenzione della
politica. Dispositivo di governo. Dispositivo amministrativo. Dispositivo
diplomatico. Dispositivo della comunicazione. Dispositivo economico e dispositivo
finanziario. Non già dispositivo relazionale. La relazione è assoluta: è la relazione di
cui non c’è idea. La relazione di cui “ognuno” (segnatamente l’uomo pneumatico) ha
idea rende tutto relativo, ma – per la relazione di cui nessuno ha idea – nulla è
relativo.

La relazione è assoluta. Il singolare è assoluto. L’idea è assoluta. La funzione è
assoluta. La dimensione è assoluta. L’operazione, l’idea, è assoluta. L’idea assoluta è
il teorema. L’idea assoluta è l’analisi. L’idea assoluta: l’idea senza più soluzione.




Leggere il testo integrale

Armando Verdiglione, "Il dispositivo, il progetto, il programma"

[Il testo è una trascrizione non rivista dall’Autore e uscirà in versione definitiva in un prossimo e-book.]


Gli altri articoli della rubrica Politica :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |

15.11.2017