Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

La stima, la perizia, la valutazione, nonché l’influenza, l’enigma fiscale, l’icona, nonché i princìpi standard, il regime, l’ideocrazia, la caricatura

Armando Verdiglione
(8.05.2017)

[…]
I princìpi standard internazionali emanati dallo IASB (International Accounting
Standards Board
), l’organismo facente parte dello IASC (International Accounting
Standards Committee Foundation
), che si è autoproclamato “normalizzatore
universale”, sono stati reclamati dalle grandi aziende che avevano bisogno di
princìpi ideali per la speculazione finanziaria e commerciale. L’Unione europea li
assume nel 2002 (regolamento CE n. 1606/2002), poi, a più riprese, li assumono i
paesi del G7 e del G20, nel 2009 (dopo la crisi del 2008), nel 2010 e nel 2011. Vengono
consacrati come princìpi del bilancio inteso come processo di costituzione dei valori
di stima. E così, il conceptual framework: il quadro concettuale, l’“intelaiatura” ideale, il
disegno ideale, i princìpi standard.

“Stimare” e “valutare”: un’oscillazione assurda, ovvero impossibile. Stimare e
valutare “approssimativamente” il valore numerico di una grandezza (e perché mai
la quantità sarebbe una grandezza?), stimare “per eccesso”, stimare “per difetto”:
“ogni stima è soggettiva”, “ogni valutazione è approssimativa”, quindi non
qualunque valutazione, non qualunque stima! I valori sono convenzionali, il bilancio
è convenzionale, i princìpi standard sono convenzionali. Non rispettare la
convenzione dà luogo a qualcosa di non conforme, di non congruo, di non adeguato,
di non corretto. Il quadro concettuale è circolare.

La valutazione, il giudizio, la perizia. Come avviene che la perizia sia assunta per
diventare perizia giudiziaria (e anche la perizia psichiatrica è perizia giudiziaria)?
La perizia giudiziaria è improntata alla demonologia, quindi a ciò che è il colmo
della denigrazione e a ciò che è il colmo della degradazione. Sull’idea di origine
(l’idea di sé o dell’Altro) si fondano il postulato, il pregiudizio, l’annullamento
dell’esperienza. Come avviene che la perizia giudiziaria poggi sull’annullamento
dell’esperienza? Eppure la perizia è altra cosa. La perizia, la valutazione, il giudizio
attengono al bilancio, quindi intervengono nel modo con cui ciò che si fa si scrive
attraverso la lingua altra, attraverso la lingua diplomatica.

La perizia: come l’esperienza si scrive e si valorizza. La perizia della parola si
avvale della prova, seguendo l’aritmetica e procedendo per integrazione dal modo
dell’apertura intellettuale. La perizia giudiziaria si avvale del probabile, seguendo
l’algoritmo algebrico e l’algoritmo geometrico.
Il valore intellettuale è la cifra, non è il numero. L’istanza di valore non è istanza
numerica. Il “numerico” non è il numero. Il valore intellettuale non è numerico, è la
cifra. Il numerico rientra nell’algoritmo algebrico e nell’algoritmo geometrico. La
perizia di cui si avvale il bilancio intellettuale esige la characteristica nell’esperienza.
La perizia giudiziaria (e anche la perizia criminologica) punta alla salvezza, al valore
mentale, al valore ideale, al valore del nulla.

[Il testo è una trascrizione non rivista dall’Autore e uscirà in versione definitiva in un prossimo e-book.]

Leggere il testo integrale

PDF - 133.8 Kb

Gli altri articoli della rubrica Finanza :












| 1 | 2 |

19.05.2017