Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

L’idioma, l’alingua, la città, la differenza, nonché il bene, la giustificazione, il luogo di origine

Armando Verdiglione
(28.05.2016)

L’idioma, la proprietà, il privato, la scrittura non rispondono al principio di accettabilità da parte di una comunità data come compatta e coesa. Il sistema religioso, ideologico, politico è un sistema erotico, che, cercando l’idea di origine, deve tutto conformare a questa idea. Anche la divisione, la moltiplicazione, il concetto di creazione, il mondo stesso devono servire al ritorno all’unità.

Questo processo, chiamato giustificazione, va dall’uno e ritorna all’uno, è un processo di circolarità e di unità. Viene postulato un luogo che è luogo d’origine, luogo di calma, un’idealità, dove occorre tornare. Questo luogo è l’utopia. Può prendere il nome di paradiso, di città ideale, di cosmopoli: è l’utopia, è la festa, la festa come luogo d’origine, luogo di funzionalità della
morte, della negatività, del peccato, del male, dell’incesto, luogo della sintesi
divina, della divina proporzione, della simmetria d’origine, che abbia estinto
ogni asimmetria, ogni improporzione, ogni corruzione, ogni lacerazione.
Questo è il discorso sancito negli scritti “fondamentali” del discorso
occidentale. Trapassa anche nel discorso scientifico, nelle scuole e nei circoli del
discorso scientifico: scuole epistemologiche, scuole cosiddette logiche, scuole di
linguistica, scuole proprie di questo discorso, che è gnostico.

JPEG - 119.4 Kb
Opera di Christiane Apprieux, 2016, dettaglio

La gnosi non è soltanto quella che viene chiamata gnosi, che nasce in un
periodo storico preciso e poi si sviluppa. La gnosi è propria del discorso
occidentale. È una comunità che assume i principi della gnosi eludendo ogni
altro principio, eludendo sopra tutto il principio della parola, e, in particolare,
assumendo il principio della parola e convertendo l’anoressia intellettuale in
anoressia sostanziale e in anoressia mentale, quindi in sostanzialità e in
mentalità. Ma anche le altre virtù del principio della parola (la libertà,
l’arbitrarietà, la leggerezza, l’integrità, l’aria, il disagio, il caos) sono assunte e
vengono attribuite alla festa o a tutto ciò che proviene dalla festa e che deve
tornare alla festa, in un processo di giustificazione, di purificazione, di
redenzione.

L’idioma, la particolarità. Noi leggiamo gli scritti dei filosofi, dei teologi,
degli esegeti. E occorre leggerli tra le righe, perché sono gravati da un’idiozia
condivisa: l’idioma, negato, diventa idiozia condivisa. Può chiamarsi
cosmologia, cosmopolitismo, universalismo, armonia universale, discorso come
causa finale, calma cosmica: è sempre idiozia condivisa quella che passa come
logica o addirittura come logos. La proprietà, come acquisizione, come
proprietà della parola, come proprietà della vita, non è tollerata.

Fantasma di possessione o fantasma di padronanza inerente al fantasma di
origine. Platone distingue tra fantasma di padronanza e fantasma di
possessione. Però, lungo gli aggiornamenti, i commenti degli interpreti, degli
esegeti, il fantasma di padronanza deve compiere l’economia del fantasma di
possessione e, addirittura, utilizzare lo stesso fantasma di possessione. Leggete
lo Ione e il Fedro di Platone. È sempre il dio che vuole, il dio che vuole il bene,
sicché la felicità degli umani sta nel situarsi in questa stessa volontà,
nell’equazione tra la loro volontà e la volontà divina, nel ritorno al luogo, alla
festa come luogo, alla funzionalità della morte, del negativo. Così anche la
scrittura, anziché scrittura propria alla parola, all’oralità, alla ricerca e
all’impresa, è scrittura come protocollo definito, quindi come idealità sancita nel
segreto della scrittura. È scrittura segreta, per mantenere l’idea di padronanza.
Ma è segreta soltanto per una comunità.

L’idioma: medium, medicina, fondazione, numero, dissidenza. Le cose
procedono secondo l’idioma. Il canone, il codice, il principio genealogico, il
sistema genealogico, tutto ciò sta nel luogo, dipende dal luogo, dalla festa come
luogo della funzionalità del negativo attraverso l’unificazione, la sistemazione,
la codificazione, la circolazione e l’unificazione.

Abbiamo accennato al Logos divisore di Filone di Alessandria (5 a.C.-55). Ma,
ovunque, si tratta della divisione dell’uno, fino alla divisione dei ruoli, alla
divisione dei sessi, alla differenza dei sessi. Ovunque, queste dottrine risultano
dottrine erotiche, dottrine dell’androgino. Attorno all’androgino ruota il
discorso totalitario. Con un’ampia concettualizzazione, con alcune varianti. Ma
si tratta sempre di versioni dell’androgino. La stessa genesi del mondo e degli
umani è posta sotto questa dottrina.

Perché la lingua viene fissata nell’idealità posta come scrittura? È soltanto
così che può diventare un sistema di potere. Diventa la lingua comune, ma,
prima ancora, materna (non lingua parlata dalla madre, ma lingua materna,
lingua senza la madre, senza il malinteso, lingua dell’intesa), poi, lingua del
conflitto, lingua del litigio, lingua della rottura, lingua della divisione algebrica
e geometrica. Quella che Leonardo chiama la “lingua dei litiganti”, la lingua che
produce un “rumore perpetuo”, è la lingua senza scrittura della parola, senza
ascolto, senza intendimento. Però questa lingua viene stabilita come lingua che
proviene dal luogo, dalla festa come luogo. È la lingua che deve servire alla
circolazione, è la lingua circolare, è la lingua dell’unità, è la lingua del potere
politico, è la lingua senza afasia e senza infantia. È la lingua che una comunità
data, fissata dai suoi principi, una comunità che si accetta, stabilisce come
lingua di origine, poi “lingua naturale” e “lingua nazionale”, lingua comune, in
breve lingua dell’unità.

Perché questa lingua si stabilisca, deve agire in nome di una lingua morta e,
per ciò, assurta a lingua ideale. È la lingua che dipende dalla volontà di dire, è
la lingua che, poi, viene stabilita come lingua di Dio o di Allah o di Cristo o
dello Spirito. Lingua, quindi, mnemonica e memoriale. Ma la lingua non è
questa, non è la lingua morta, ideale. Non è la lingua che possa fissarsi in una
scrittura standard. La scrittura standard è la scrittura burocratica. È quella che
sta nel libro sacrale, non già sacro. Solo in questa accezione, la lingua è sotto il
fantasma di padronanza.

Il dominio linguistico è il fondamento del dominio della città e del mondo. Il
dominio linguistico. La padronanza linguistica. Chi, nella sintesi divina, ha la
padronanza linguistica è padrone di sé e padrone dell’Altro: questo è il
fondamento di ogni burocrazia e di ogni tribunale che si definisca come
tribunale della giustificazione, come tribunale che deve ristabilire la circolarità.
La stessa costruzione linguistica del libro sacrale avviene attraverso un
procedimento linguistico di divisione algebrica e geometrica. E è la stessa
costruzione che serve per fondare la città.

La città ideale, e non già la città moderna, si fonda sulla linea di divisione:
così città superna o città inferna (quella che Dante chiama la “città dolente”). È
la città fenice, la città Uroboro, la città che muore e si rinnova o si rigenera. È la
città psicofarmacologica, la città psicocriminologica, la città pura, la città
radiosa. È, insomma, la città che, estinta ogni impurità, ogni corruzione, possa
dirsi utopia, possa dirsi festa, luogo. Ciò che assicura la morte e la rigenerazione
della città burocratica è lo spirito. Lo spirito della città.

Uroboro, androgino. In questa religione della morte, religione della negativa
del tempo e dell’Altro, in questa economia del sangue, che fonda l’economia
della negativa del tempo e dell’Altro, in nessun modo vengono tollerati il due,
la tripartizione del segno e la differenza. I princìpi di ogni comunità conformista
sono princìpi d’intolleranza verso la differenza. E sono princìpi localistici,
localizzanti, perché procedono dal luogo, dalla festa come luogo. Non c’è luogo
della parola, non c’è luogo della vita, non c’è luogo delle cose. Ma questo luogo
è postulato come luogo di origine. È la fallologia.

Noi abbiamo interrogato gli scritti propri al dossier occidentale e al dossier
orientale. E abbiamo notato nel rinascimento, in Italia, l’instaurazione della
parola originaria, nella sua aritmetica e nella sua cifratica. Altra cosa, altra
particolarità, altra logica, altra struttura, altra città. Non c’è il concetto di
giustificazione o di redenzione. Leonardo o Machiavelli non vanno contro il
discorso della festa: il loro è un processo linguistico, in cui non c’è il discorso
della festa, non c’è il concetto di redenzione.

Il bene, l’idea di bene, il bene ideale, il bene di sé e dell’Altro, il bene
pubblico, il bene privato, il bene comune, il bene proprio: il bene è l’altro nome
dell’utopia. Il bene è il fine cui ogni città tende. Bene-male, vita-morte, positivo-negativo,
simmetria-asimmetria sono posti come alternative: l’idea di bene è già
l’idea di alternativa bene-male, vita-morte. L’idea di bene trae già questo blocco
sostanziale e mentale, questa anoressia sostanziale e mentale, che manifesta la
sua intolleranza verso l’apertura, la triade, la struttura della parola e la sua
scrittura.

L’idea di bene è già logos, già logia: ideologia. Quindi diventa sistema logico,
diventa ideocrazia: idea che agisce, regna e governa. Ideocrazia: l’azione dello
spirito, lo spirito che agisce nel mondo, nella storia, nel tempo.

Il principio di giustificazione, come principio dell’equazione finale,
dell’equazione ontologica, principio di giustificazione sociale, politica, cosmica,
è principio algebrico e geometrico, è il principio gnostico. È il principio del
tribunale gnostico. L’idea della voce che agisce è lo spirito che agisce, anziché
operare: sta qui ogni fatalismo.

Quella che, “storicamente”, viene chiamata gnosi ha istituito sia il concetto di
creazione sia il concetto di psicosomatica. La psicosomatica risponde a un
concetto gnostico. I professionisti della morte e i suoi funzionari, i salvatori,
postulano che il corpo, la carne, la natura, il mondo siano speculari rispetto alla
divinità o che, comunque, celino la scintilla divina, la scintilla del ritorno
all’unità, raggiunta la purificazione. Questa purificazione avviene con
l’estinzione del corpo, della natura, di tutto ciò che è corruzione, per arrivare a
una restitutio in pristinum. Questo “prima” è “prima del prima”, è l’origine.
Restitutio in pristinum: il ritorno all’origine. Ma, all’origine, sta solo l’idea.
Principio di sacrificio ideale, di redditività ideale, principio di giustificazione, di
liberazione, di riscatto. Ciò che attraversa le mitologie e le religioni è quella che
viene chiamata l’invidia degli dei o l’ira degli dei o l’ira di Dio. Come placare
l’ira di Dio. Perché, in ogni caso, tutto ciò che è fuori da Dio desta l’ira di Dio. E,
per purificarsi, deve abbandonarsi a Dio e ritornare a Dio. Oppure a Allah o a
altre denominazioni.

L’“umano” è definito dal discorso come causa. Terenzio dava un’altra
accezione a “umano”. Forse per serbare qualcosa dell’accezione di Terenzio,
avevamo modificato, parodiando, il suo motto: nihil alieni mihi humanum puto.
Il principio di denigrazione, che è il principio negazionista rispetto allo
specchio, allo sguardo, alla voce, e il principio di degradazione, che è il
principio negazionista rispetto all’Altro e al tempo e alle virtù dell’Altro e del
tempo, sono principi necessari nel processo di giustificazione. Principi
psicoterapeutici, farmaceutici. La città corrotta, il mondo corrotto, il corpo
corrotto, l’uomo corrotto, l’Altro corrotto: ovvero l’idea della fine del tempo è
l’idea di corruzione. Idea di rottura, di frattura, di fracasso.

Quale giustizia viene praticata nella giustificazione? La giustizia che agisce
sotto il principio stabilito da Montesquieu, principio arcaico: lo spirito di
uguaglianza. È il principio che porta all’equazione ontologica. L’anoressia viene
convertita in accettazione. Una variante nestoriana, poi islamica, ma anche della
tradizione hanîf, antecedente a Maometto, la definisce come “sottomissione”.
Ma è “accettazione”. L’anoressia, negata, viene assunta nell’accettazione. “Non
voglio”, “non penso”, “non spero”, tutto ciò come accettazione, come status
degli umani e di ogni realtà che non sia l’uno.

La giustizia distributiva è la giustizia che divide, senza aritmetica, la giustizia
che pratica la divisione algebrica e geometrica. È così che, nella Lettera ai Romani
(5, 9), da chiunque questa lettera sia stata costruita e attribuita arbitrariamente a
Paolo, viene detto: “[…] giustificati per il suo sangue, saremo per mezzo di lui
salvati dall’ira”. In quello che noi diciamo l’atto di parola, chiamato,
parodiando, l’“atto di Cristo”, non c’è più redenzione, non c’è più sacrificio
sostanziale e mentale, non c’è più sacrificio umano, non c’è più sacrificio
ontologico. Tutto questo viene accantonato dai vangeli presuntivamente
attribuiti a alcuni apostoli e dalle lettere attribuite a un certo Paolo.

Bernard Dubourg (1945-1992), scrittore, poeta, filosofo, esegeta degli scritti
della tradizione ebraica e cristiana, nel libro L’invention de Jésus (1989), compie
uno smontaggio linguistico dei Vangeli, degli Atti e delle lettere “paoline”,
secondo la loro definizione canonica. Confronta nomi, parole, grafie, sintagmi,
espressioni con i relativi brani del Vecchio Testamento, trova giochi di parole,
calembours, incastri linguistici adoperati dai redattori ebrei degli scritti del
Nuovo Testamento secondo procedure per midras (dall’ebraico darash:
ricercare, e anche raccontare) e per gematria (nella cabala, sistema ebraico di
assegnazione di valori numerici alle parole, in grado di correlarle), e con
modalità, talora, ancora più spiccatamente cabalistiche. Risulta che nessuno dei
nomi e degli eventi citati nel Nuovo Testamento risponde a nomi e eventi
propri dell’epoca indicata, mentre trova nel Vecchio Testamento la giusta
collocazione. Si dilegua in tal modo qualsiasi presunta storicità. Il Nuovo
Testamento è stato fabbricato in ebraico. Dubourg lo riformula dal greco in
ebraico, attuando una retroversione di Gesù, Paolo, e di altri nomi e eventi
sull’Antico Testamento. Resta che gli scritti canonici e apocrifi, gli scritti della
patristica e altri scritti “cristiani” costituiscono, comunque, un dossier che
(senza nessuna credenza, senza nessun postulato e senza nessuna convinzione
personale o di gruppo) si dispone alla lettura, con cui si compie la restituzione
del “testo” cristiano.

L’uno, poi altro da sé, la negazione dell’uno, la negazione della negazione, la
sintesi, la moltiplicazione, la divisione: tutto questo, ovvero il processo della
circolazione, è un processo di misericordia. La giustificazione è un’azione
misericordiosa: tutto deve ritornare all’uno, tutto deve sancire l’unità. E come
avviene questa “redenzione”? Tramite la fede (Paolo)? Tramite le opere
(Giacomo)? Se le cose stanno in un difetto ontologico, se, quindi, fede, opere,
speranza, desideri devono entrare nell’equazione ontologica, l’accettazione
schiude la giustificazione. Analizzeremo anche come nasce questa faccenda del
desiderio, quando nasce e dove nasce e perché arriva, poi, in Francia nel modo
in cui arriva.

Leggete Matteo 20, 28: “Chi vorrà essere il primo fra voi si farà vostro
schiavo, come il Figlio dell’uomo, che non è venuto per essere servito, ma per
servire e dare la psiche in riscatto per molti”. Il primo, l’ultimo. Il riscatto viene
dall’ultimo. E l’ultimo è figlio di Adamo (dell’uomo).

Leggete ancora Matteo 16, 28: “In vero vi dico: vi sono alcuni tra coloro che
stanno qui, i quali non gusteranno la morte finché non vedranno il Figlio
dell‘uomo venire nel suo regno”. La morte è strumento di salvezza.
Leggete inoltre Marco 16, 16: “Chi avrà fede e sarà battezzato sarà salvo, ma
chi non avrà fede sarà condannato”. La fede si fa obbligante: fede nella salvezza.
L’alternativa è la condanna.

Leggete pure la Lettera agli Ebrei 9, 12: “Non con sangue di capri e di vitelli,
ma con il proprio sangue entrò una volta per sempre nel santuario, ottenendo
un riscatto eterno”. Il principio dell’economia del sangue è principio catartico,
principio di redenzione.

E ancora, leggete la Prima lettera di Pietro 1, 18: “Voi sapete che non per mezzo
di cose periture, come l’argento e l‘oro, foste liberati dalla vostra vuota condotta
ereditata dai vostri padri, ma con il sangue prezioso di Cristo, come di agnello
senza difetti e senza macchia”. Il difetto, la macchia, il negativo, tutto ha un
prezzo: al colmo dell’economia del sangue sta l’equazione ontologica, il vero
segno della redenzione.

Filone di Alessandria, colto esponente della comunità ebraica della città
egiziana, scrive (come farà un certo Paolo): chi non accetta non si giustifica, non
può essere giustificato. E, allora, viene chiamato idolatra, empio. Ma è
improprio “empio”, perché la pietas è un’altra cosa. È ingiustificato. Soltanto
l’uno giustifica, con il suo spirito. Sarebbe questa la grazia. Solo il principio di
unità è giustificante. La fede e le opere hanno il merito della giustificazione,
quindi della conciliazione, del compromesso sociale e politico, della divina
sintesi. La comunità deve agognare al luogo, al ritorno al luogo, alla sintesi, alla
calma. È quello che noi indicavamo come utopia, la festa come luogo del
discorso occidentale, luogo della necropoli. La conciliazione, la riconciliazione,
quindi la negazione del due. La relazione, se non è il due, si rende positivonegativo,
vita-morte, bene-male.

Il male risponde a un principio necessario nel sistema cosmopolitico dei
sumeri come in altri sistemi religiosi politici, vedici, taoisti. Tale principio
diventa ontologico durante l’ellenizzazione. Per Nestorio, Cristo è uomo e Dio,
due persone distinte, e Maria è madre di Cristo. Cristo uomo “contempla”
Cristo Dio: l’umanità di Cristo è tempio della divinità. Espansione enorme del
nestorianesimo dall’Arabia alla Cina. Chiese nestoriane sopravvivono anche
oggi. Il Concilio di Efeso (431) condanna Nestorio. Però, il nestorianesimo si
diffonde: in particolare, arriva in Siria e in Arabia, dove si traducono dal greco
scritti filosofici e cristiani in lingua siriaco-aramaica.

Ciascun gruppo di potere che gestisce le varie comunità ha bisogno di
rettificare la dottrina. E così avviene. Così, nel Corano l’annunciazione non ha
bisogno di Maria, che è un’invenzione degli scritti chiamati vangeli. Sura XXI,
91: “E [ricorda] colei che aveva preservato la sua vulva. Insufflammo in lei un
Nostro Spirito e facemmo di lei e di suo figlio un segno per i mondi”.
Qui, addirittura, non c’è bisogno della sottomissione. È scontata. Ma non si
pone l’accettazione.

Invece, nello scritto biblico chiamato Genesi – che è quasi la parafrasi del
Genesi sumerico Enuma Elish – c’è l’accettazione, come accettazione della
volontà di Dio. Nel Corano, compare l’arcangelo Gabriele, il messaggero, ma il
fiat (come accettazione da parte della vergine) sparisce. Gli angeli compaiono
anche nel Vangelo di Bartolomeo: “Signore, quando tu andavi a essere appeso alla
croce, io ti seguivo da lontano, ti vidi appeso alla croce e [vidi] gli angeli venire
giù dal cielo e adorarti. E quando si fece buio io guardai e ti vidi sparire dalla
croce”.

Gli angeli, l’ascensione: sono elementi che si ritrovano in altre mitologie.
La mitologia sumerica precede la tradizione ebraica. Il Genesi, il paradiso
terrestre, la dea Nin-Ti (Vita e costola), il diluvio (il Noè sumerico è Ziusudra,
Atrahasis in accadico, e Ut-Napishtim in babilonese; la tradizione ebraica
riproduce la descrizione sumerica del diluvio). Affinità anche fra la nascita di
Mosè e la sua storia e la nascita e la storia di Sargon. I filologi dei testi mitologici
mesopotamici hanno riscontrato molte altre affinità, anzi derivazioni. Epopea e
apoteosi di Marduk, il dio che sconfigge la dea progenitrice, genera e produce il
cosmo. Marduk, “il vero sole degli dei”.

Enuma Elish è il poema babilonese, in lingua accadica, a caratteri cuneiformi.
Teogonia. Cosmologia. Storie, racconti, aneddoti. Cosmogonia. All’“origine”,
due divinità: Apsû (l’Abisso, con le sue acque dolci, padre cosmico), e Tiamat
(Acqua salata del mare, madre cosmica). Una prima filiazione. Una seconda
filiazione. Gli dei generati danzano e schiamazzano. Piano infanticida stragista
di Apsû. Il discendente più intelligente, Ea, lo incatena e lo uccide. Poi, Ea e
Demkina generano Marduk, “il più saggio dei saggi”, “il più intelligente degli
dei”, il dio supremo, che ha lo splendore di dieci dei e che raccoglie in sé
cinquanta “terrori”, il vendicatore. Marduk, su incarico degli dei, stacca la testa
alla progenitrice Tiamat. Vasta e drammatica teogonia. Marduk produce, forma
il cosmo dalla divisione algebrica del cadavere materno quale massa amorfa.
Marduk, vincitore, giubilo degli dei. Il dio, re degli dei di cielo e di terra, edifica
la sua casa, la casa dei grandi dei, sopra l’Apsû e sotto il Cielo e la chiama
Babilonia. Marduk ha cinquanta nomi. Egli è l’Enlil degli dei.

Gli umani sono fatti di argilla per servire gli dei. E un tempo, gli dei
copularono con le figlie degli uomini. Leggete pure il Genesi, 6, 2: “I figli degli
Elohim, vedendo che le figlie degli uomini erano appetibili, presero per sé
donne che scelsero fra tutte”. La dottrina genetica è dottrina erotica e fonda
l’ordinamento civile, sociale e politico. Il fondamento della genesi cosmica è il
cadavere materno, con tutto il suo divisionismo. Marduk è chiamato anche Bel,
signore, guida dell’intero universo. Enuma Elish: il poema cosmogonico e
teogonico del dodicesimo secolo a.C. è la sua prova linguistica.
La gnosi determina il mondo nel processo stesso di vita di Dio o dello Spirito.
Al concetto di purificazione appartiene il concetto di metempsicosi. Se la
purificazione non è avvenuta durante la vita, occorre una reincarnazione,
affinché si perfezioni. Le anime preesistono, quindi avviene l’incarnazione, ed è
la psicosi. La vita come psicosi è data dall’incarnazione di un’anima
preesistente, di un’entità spirituale preesistente. La reincarnazione: la
metempsicosi. È una mitologia psichiatrica: dice che la psicosi e la metempsicosi
servono, per la purificazione, per la salvazione. Del resto, in Matteo 17, 13, Gesù
dice che Giovanni Battista è la reincarnazione di Elia: “‘Elia è già venuto e non
l’hanno riconosciuto; anzi, l’hanno trattato come hanno voluto. Così anche il
Figlio dell’uomo dovrà soffrire per opera loro’. Allora i discepoli compresero
che egli parlava di Giovanni il Battista”.

A loro volta, i Valentiniani, gli Ofiti, gli Ebioniti credono nella metempsicosi
per compiere la legge (Karma) purificandosi. Così Giustino Martire, Clemente
Alessandrino. Anche Origene ribadisce gli stessi concetti. Per secoli questa
credenza oscilla in modo differente a seconda delle varie comunità nelle città
dell’impero. Tutto ciò fino al 553, quando, con il quinto concilio – un
avanzamento rispetto alla comunità psichiatrica dell’epoca –, la metempsicosi è
incompatibile con il concetto di redenzione: possiamo rinnovare la redenzione,
ma qui e ora, in questo mondo. Poi, nell’altra vita, è un’altra cosa.
Per Filone di Alessandria, chi non è giustificabile, chi è ingiustificato, non va
all’inferno, bensì viene cancellato; vivono soltanto coloro che sono giustificati.
Vivono nell’altra vita. Filone di Alessandria è di estremo interesse. Ha una
produzione vastissima. E è curioso che siano stati smarriti tanti testi di scrittori
dell’antichità, ma di Filone di Alessandria sia rimasto quasi tutto. Perché i suoi
libri sono stati basilari, sono stati libri di riferimento, utilizzati, saccheggiati,
commentati dalle varie dottrine erotiche che dovevano tenere le comunità. Una
comunità può essere tenuta soltanto da una dottrina erotica, soltanto dal
principio di negazione della parola, della sua struttura, della sua particolarità,
della sessualità e della sua scrittura.

Dio, il nulla, l’infinito potenziale. Per Filone, Abramo, avvicinandosi a Dio, si
riconosce polvere e cenere. La reminiscenza della superiorità di Dio si doppia
sulla reminiscenza della nullità dell’uomo. Già Geremia: “Maledetto l’uomo che
confida nell’uomo!” (Geremia 17, 5). Per Filone, soltanto migrando verso Dio,
Abramo raggiunge la perfezione e diviene erede delle cose divine.
Trascendenza e distacco da sé, dal corpo, dal mondo. Itinerario della
“conoscenza”. Consegna a Dio di ciò che ha e di ciò che è. Dio chiede a Abramo
il sacrificio di una giovenca (psyché), di un montone (linguaggio) e di una capra
(sensazione). Vivere il nulla riconoscendolo per risalire a Dio. Disprezzo di sé,
disprezzo dell’Altro. Necessità della redenzione. L’uomo soggetto alla morte e
alla salvezza. Anche Pirrone (365 ca a.C. – 275 ca a.C.), filosofo scettico greco,
parlava di nullità dell’uomo e menzionava Democrito, come pure Omero, di cui
citava: “Quale la stirpe delle foglie, tale anche quella degli uomini” (Iliade, VI,
147-149). Omero paragonava gli umani anche alle vespe, alle mosche, agli
uccelli.

Filone cita il Genesi 15, 12: “Al tramonto del sole, un’estasi cadde su
Abramo”. L’estasi, l’ispirazione, la follia divina. Platonismo biblico e
platonismo di Filone. Lo Ione e il Fedro. Lo Spirito dispensa sapienza e purezza.
Genesi 1, 2: “Lo Spirito di Dio aleggiava sulle acque”. E Giobbe 34, 14-15: “Se egli
richiamasse il suo Spirito a sé e a sé lo ritraesse, ogni carne morirebbe
all’istante”. E ancora, Salmi 142, 10: “Insegnami a compiere il tuo volere /
perché sei tu il mio Dio. / Il tuo Spirito / mi guiderà sul retto cammino”. Sullo
sfondo: l’aria empedoclea, l’etere aristotelico, l’aria di fuoco degli stoici. Per
Filone, ciò che è ispirato è lo Spirito, ciò che ispira è Dio, chi riceve l’ispirazione
è l’intelletto. Le vergini figlie di Dio: le grazie. La grazia viene donata per il
ritorno all’origine. Viene donata alla stirpe perfetta, agli uomini perfetti.
La hybris umana è punita: le anime di coloro che non accettano la condizione
umana si dissolvono e muoiono. La pena è la morte eterna. Così nei Salmi di
Salomone
16, 1-2: “Quando io ero lontano da Dio, la mia anima era quasi versata
nella morte”. L’homo immortalis è l’uomo erede.

Lo Spirito agisce: e l’estasi è l’avvento dello Spirito, la grazia. Lo Spirito
agisce nel Logo divisore: la divisione delle vittime del sacrificio biblico è “a
metà”, sotto il segno dell’uguaglianza. Lo Spirito agisce, mentre il Logos divide.
Azione a profitto della sintesi divina. Lo Spirito rinsalda l’androgino. La
divisione di maschio e femmina. Bene e male. Il Logos divide e media. Lo
Spirito è conciliatore. Il Logos genera, semina, governa, giudica. Divisione e
separazione del puro e dell’impuro, del bene e del male, del maschio e della
femmina, del chiaro e dello scuro. Per Filone, Dio parla quindi agisce. Con il suo
Spirito. La grazia di Dio è tutto. La grazia di tutto ciò che Dio ha prodotto è
nulla. Cosmo noetico. Debito totale di uomini e cose. Ringraziamento cosmico
come processo catartico.

Allo pseudo Barnaba è attribuita una Lettera, composta in greco nel secondo
secolo, inclusa nel canone biblico fino al IV secolo e, oggi, considerata un
apocrifo. Il suo “Gesù Cristo” distoglie gli umani dal giogo della necessità, non
ha bisogno di sacrifici né di novene né di sabati. Uno solo è il sacrificio: per la
redenzione universale. Dall’abisso alla cima, dalla “terra che soffre” alla “terra
da cui sgorga latte e miele” e dove i perfetti saranno padroni. Con la perfezione
gli uomini sono “eredi del testamento del Signore”. E vale la “circoncisione del
cuore”. “Non sarai doppio nel pensiero e nella parola. Laccio di morte è la
doppiezza della parola. […] laccio di morte è la bocca”.

Vangelo di Tommaso: “Chi troverà l’interpretazione di questi detti non gusterà
la morte”. La lettura rivela la scrittura. La conoscenza toglie il segreto di morte.
Toglie la povertà, rilascia il regno dentro e fuori. Conoscersi vale a scoprirsi figli
del padre. E il fuoco brucia il mondo. Gli eletti ritornano all’origine. La
perfezione dell’ordine cosmico è fallica: “Simon Pietro dice loro: ‘Maria deve
lasciarci, perché le donne non meritano la vita’. Dice Gesù: ‘Ecco, io stesso la
attirerò affinché sia fatta maschio, così che possa anche lei diventare uno spirito
vivente, maschio simile a voi. Poiché ogni donna che si farà maschio entrerà nel
regno dei cieli’”.

Vangelo di Filippo. L’homo immortalis si fa homo mortalis. La morte funziona al
ritorno. Nell’unità dell’androgino, vita e morte, luce e tenebre stanno all’origine.
L’androgino è indissolubile e eterno. La verità è una. I nomi nel mondo sono
ingannevoli. I nomi dell’Eone sono autentici. Il segreto dei nomi. La loro
conoscenza. “Un solo nome non è pronunciato nel mondo: il nome che il Padre
ha dato al Figlio. Esso è al di sopra di tutto. È il nome di ‘Padre’, perché il Figlio
non diventerebbe Padre se non avesse rivestito se stesso del nome di ‘Padre’”.
Gli arconti hanno ingannato l’unità, hanno scambiato i nomi tra le cose buone e
le cose cattive, in modo che l’umanità sia presa dai nomi delle cose cattive. Gli
arconti “hanno deliberato di prendere l’uomo libero e di fare di lui un loro
schiavo, per sempre”. Sono dominatori e chiedono sacrifici.

Il principio del nome del nome è il principio dell’innominabile che consenta
la nominabilità delle cose nella sua economia come dominio ideale. Lo Spirito
agisce in segreto in modo che l’uomo voglia il bene e faccia in senso contrario al
disegno degli arconti. Lo Spirito non ha violato Maria, la vergine inviolabile.
Ancora il segreto dei nomi che si rivela in nome del nome per l’azione dello
Spirito. Così i nomi “Gesù”, “Cristo”, “Messia”, “Nazareno”. Le qualità di
Cristo: uomo, angelo, mistero, Padre. E Cristo, prima è resuscitato, poi è morto.
Resurrezione della carne: “La sua carne è il Logos e il suo sangue è lo Spirito”.
Nel Logos avviene la resurrezione. I figli dell’uomo perfetto non muoiono, ma
sono rigenerati in eterno, “si nutrono della promessa del Luogo in alto”. Il bacio
è fecondo e generatore. “Il Logos di Cristo è rimasto nascosto a tutti”. Cristo si
fa vedere a chi vuole e come vuole.

Il nome di Maria vale per la madre, la sorella e la consorte. “‘Padre’ e ‘Figlio’
sono nomi semplici, ‘Spirito Santo’ è un nome duplice”: in alto e in basso,
invisibile e visibile. Il sale è Sophia, che è anfibologica: Achamoth è la Sophia
della vita, Echmoth è la Sophia della morte. Adamo, formato e generato. Ma
ecco: prima l’adulterio, poi l’omicidio. Il figlio del serpente uccide il proprio
fratello. L’uomo, emanazione divina. Il battesimo, il crisma, la redenzione, la
camera nuziale. L’immaginazione dello Spirito inonda il cosmo, lo purifica e
riporta tutto alla pienezza del luogo di origine, nella perfetta unità androginica.
“Quando Eva era in Adamo, non esisteva la morte. Ma dopo che essa si fu
separata, la morte è sopravvenuta. Se Eva entra di nuovo in Adamo, e se Adamo
la riprende in se stesso, non esisterà più la morte”. La camera nuziale è questa:
unità degli uomini liberi (spirituali) e delle vergini (purezza). La luce è il crisma.
“Gesù è uscito dal Luogo e di là ha portato il nutrimento e a quelli che lo
desideravano ha portato la Vita, affinché essi non morissero più”.

“Se è possibile riferire un mistero: il Padre del Tutto si è unito alla Vergine
che è discesa e quel giorno un fuoco lo ha illuminato. Esso ha rivelato la grande
camera nuziale. Per questo il suo corpo, che è venuto nell’esistenza in quel
giorno, è venuto dalla camera nuziale, come quello che è stato generato dallo
Sposo e dalla Sposa. Così, grazie a questi, Gesù ha ristabilito il Tutto in essa. E è
inevitabile che ogni discepolo entri nella sua Quiete”. L’equazione ontologica
salva il mondo che è stato creato come corruttibile dal demiurgo per
trasgressione. La camera nuziale. Il Santo dei Santi.

Apocalisse di Adamo, fra i testi gnostici (secondo secolo) dei papiri ritrovati a
Nag Hammadi, in Egitto. Apoteosi dell’androgino: Adamo e Eva formavano un
unico Eone androgino nel Pleroma, il mondo superiore, sotto cui stavano
tenebra e abisso. Qui regnava il demiurgo, creatore dell’Universo, vendicativo
come Jahweh. La divisione dell’Eone androgino è opera dell’ira del demiurgo.
Il Vangelo di Verità (sorto, forse, nella comunità di Valentino, gnostico
cristiano egizio del secondo secolo, che fu diacono a Roma intorno al 150). Il
testo è stato ritrovato fra i manoscritti di Qumran, come traduzione in copto da
un originale greco del secondo secolo, andato perduto. “Il Libro della vita dei
vivi che è scritto nel Pensiero e nella Mente del Padre” viene rivelato nel cuore
dei perfetti da Gesù per la misericordia del Padre. Gesù “si è abbassato fino alla
morte, sebbene rivestito di vita immortale. Spogliatosi di questi cenci corruttibili
si è rivestito d’incorruttibilità”. Anche chi “possiede la conoscenza compie la
volontà di colui che lo ha chiamato”. Gli uomini perfetti. Gli Eoni. Le lettere
della verità sono “segni scritti dall’Uno”: “chi le pronuncia riconosce se stesso”.
Il mondo è il luogo dell’invidia e della divisione, del disaccordo, quindi della
deficienza. Il paradiso è il luogo dell’unità, quindi della perfezione, pertanto del
riposo. La parola d’ordine: abolire la separazione e la divisione, fondere
nell’unità dell’androgino. Tutto segue la volontà che è in Dio. E il Figlio è il
nome che il Padre dà a se stesso, il nome che il Padre pronuncia e vede.
Paracelso (1493-1541), nato in Svizzera, è medico, alchimista, astrologo, poi
ermetico: una visione del mondo che, in pieno umanesimo e rinascimento, si
oppone. Poi, questa opposizione al rinascimento prosegue con la Riforma e con
la teosofia, ma la base della teosofia, il suo riferimento generale, sta in Paracelso.
La teosofia: il filosofo più importante, in Germania, prima di Hegel, è Jacob
Böhme (1575-1624). Poi, vennero altri. Per esempio, in Scozia, Henry More
(1614-1687). Ma prima ci fu Paracelso: la natura, la cosmologia, il creato come
mappa che nasconde il volto del creatore. E la natura come la “pallida idea”, il
mondo come la “pallida idea”, la “pallida immagine” del creatore. Di quale idea
si tratta nella pallida idea? Si tratta dell’idea di origine. L’umanità è una pallida
immagine, non è luminosa, bisogna cogliere la scintilla, la scintilla dell’unità.
La teosofia è la vis immaginativa. Rigenerazione spirituale. Salvazione del
soggetto. Primato della scrittura, ma della scrittura che trapassi attraverso una
lettura rivelata, visionaria, profetizzante, dove sussistono ancora i segreti. Se c’è
rivelazione, c’è segreto. Altrimenti, non sarebbe rivelazione.

Perché indaghiamo intorno alla teosofia? Perché i concetti di base della
teosofia li ritroviamo non soltanto nel sistema illuministico-romantico, ma
anche nei suoi corollari, come il Circolo di Vienna, come la Scuola di
Francoforte. La dialettica della liberazione è coniata dalla teosofia. Anche Hegel
e Marx sono tributari della teosofia.

Fra Hegel e Marx, Ludwig Feuerbach, per il quale l’essenza dell’uomo è
l’essere supremo. Marx scrive: “La religione dei lavoratori è senza Dio perché
cerca di restaurare la divinità dell’uomo” (Lettera a Eduard von Hartmann). Hegel
traduce Paolo (Lettera ai Filippesi 2, 5):

[Cristo] pur essendo di natura divina,

non considerò un tesoro geloso

la sua uguaglianza con Dio,

ma spogliò se stesso,

assumendo la condizione di schiavo

e divenendo simile agli uomini.


Per Hegel vale: si annullò.

Concetto di alienazione. Lo Spirito si appropria della divinità attraverso la
negazione della negazione, attraverso la processione trinitaria. E il concetto si fa
soggetto causa sui, autocreandosi e autodivenendo. Il logos assume la natura
dello Spirito. Il Padre è il Dio di Abramo, e lo schiavo è l’uomo che, cosciente
della padronanza, autocosciente, diviene Dio. Il nome del padre è lo schiavo. E
lo schiavo diviene Dio. Come nella migliore gnosi, per esempio la gnosi di
Valentino. E Marx porta il trionfo dell’uomo-Prometeo nell’apoteosi dello
Spirito. Tale si dimostra la redenzione finale del proletario.

Ogni dottrina scientifica del ventesimo secolo agogna all’equazione
ontologica. Ogni ideologia dell’avanguardia artistica deve praticare la
negatività nell’opera e compiere la purificazione attraverso l’opera: è questa
l’opera d’arte che ha successo. Possiamo discutere di ciascun artista e delle varie
avanguardie del ventesimo secolo, dei princìpi, degli slogan: il loro successo
(che, per altro, è proclamato per ideologia) dipende dall’avere inserito la
negatività nel codice, nella codificazione, nella giustificazione. Abbiamo, quindi,
l’opera d’arte come purificante, la filosofia come purificante, la logica
matematica come purificante, la linguistica e la psicolinguistica come
purificanti.

Anche la dottrina di Albert Einstein (1879-1955) è una dottrina purificante,
con la sua cosmologia. Einstein non crede nel dio personale, contraddice questa
credenza nel dio personale, che vaga tra ebraismo, cristianesimo, gnosi cristiana
e gnosi ebraica. È diffidente Einstein, ma dice: niente scienza senza religione,
niente religione senza scienza (Religione e scienza, 1930). E la scienza è
cosmologia. Scrive Einstein: “La scienza senza la religione è zoppa, la religione
senza la scienza è cieca” (Scienza e religione, 1941). Egli prospetta una visione
cosmica, che dia una giustificazione alla vita. E insegue una religione cosmica
da confrontare con la scienza. Contro la religione del terrore. E a favore della
“conoscenza” razionale e della conseguente elevazione dell’uomo, che si liberi
anche dall’io e dal Dio personale. Tra i protagonisti della religione cosmica
annovera Democrito, Francesco d’Assisi, Spinoza, Schopenhauer.

Nella Bibbia, Melchisedek è alto sacerdote e re di Salem (l’antica
Gerusalemme). È senza parenti, senza genealogia. Non è imparentato con
Abramo. Però, Abramo paga Melchisedek, paga la decima e riceve la sua
benedizione (Genesi 14, 19-20). È l’Abramo, che ha ricevuto l’ordine: “Vattene
dal tuo paese, dalla tua patria e dalla casa di tuo padre, verso il paese che io
t’indicherò” (Genesi 12, 2). Lascia, e vai. È qui, scrive Filone di Alessandria, la
migrazione di Abramo, perché divenga erede delle cose divine. L’eredità
spirituale.

Ancora, Sinesio di Cirene, filosofo e vescovo di Tolemaide di Libia (370-413),
scrive: “Padre, concedi che la mia anima possa fondersi nella luce e che non sia
respinta nell’illusione materiale”. Questa materia ha, poi, man mano, un
primato, perché è materia ideale, è materia spirituale.

L’imperatore Giustiniano I il Grande (482-565), per interrompere tutte queste
discussioni nell’impero, impone un altro concilio, affinché decida nel senso
voluto da lui: il quinto concilio di Costantinopoli (553), presieduto da Eutichio,
il patriarca di Costantinopoli. Il papa Vigilio (papa dal 537 al 555), prelevato e
portato forzosamente a Costantinopoli, non vuole partecipare al Concilio perché
dissente, si rifugia in una chiesa di Costantinopoli. Quindi Origene viene
condannato, ma la dottrina della metempsicosi prosegue con Giovanni Scoto
Eriugena (810-877), monaco, teologo, filosofo irlandese, con Francesco d’Assisi
(1181-1226). Anche il filosofo britannico Henry More (1614-1687), della scuola
platonica di Cambridge, nel suo saggio L’immortalità dell’anima (1659), crede
nell’anima preesistente.

Valentin Weigel (1533-1588), teologo, filosofo, mistico tedesco: il principio
dello spirito, la scintilla divina, sta all’interno dell’uomo. Inizia, qui, qualcosa,
nel discorso occidentale, che arriverà al risultato finale di “homo homini deus”, la
divinizzazione dell’uomo. Quale uomo? L’homo modernus di Marx è l’ultimo
uomo. Come Cristo. Cristo è l’ultimo. Per Valentin Weigel, lo spiritualismo
guida lo psichismo. Questo ha corollari enormi nella psicoletteratura tedesca.
Jacob Böhme: epifania dell’essere su differenti strati. Nato nel 1575, calzolaio,
visionario, mistico, alchimista, autore di numerosi libri, che avranno
un’“influenza” enorme nella mentalità tedesca, nell’ideologia tedesca.
Incomincia con L’aurora che sorge (1612) l’atto di nascita della teosofia. L’ultima
sua opera è La via a Cristo (1624). Böhme muore nel 1624, lo stesso anno in cui
muore il suo oppositore, il pastore Gregorius Richter. Böhme andò anche in
prigione, perché il suo profetismo non era accettato dall’ortodossia della
comunità luterana.

La redenzione è il passaggio dalla storia all’essenza attraverso
l’interiorizzazione dello spirito fino all’abisso ungrund, “senza fondo”. Il figlio è
il volere generato dall’abisso infinito, e lo spirito è l’esito del volere dell’abisso.
Ma in quali scritti troviamo già quest’idea dell’abisso? Negli scritti di Filone
d’Alessandria e nel poema babilonese Enuma Elish.

Jacob Böhme crede altresì nella creazione, che è il frutto dell’ira dell’abisso e
si avvale della purificazione, che avviene attraverso la Sapienza. Anche il logo
del Vangelo secondo Giovanni è la Sapienza. Per Böhme, il male sta nel mondo, sta
nella vita umana, sta nel tempo della storia. La redenzione è l’estinzione finale
del male – quindi, idea della fine del tempo – e il ritorno all’unità.

Leggere il testo integrale

PDF - 222.6 Kb
Armando Verdiglione, "L’idioma, l’alingua, la città, la differenza, nonché il bene, la giustificazione, il luogo di origine"

Gli altri articoli della rubrica Teoria :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | ... | 12 |

8.05.2017