Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Il fantasma del patriarcato

Giancarlo Calciolari
(20.03.2016)

Irene Strazzeri è ricercatrice di sociologia presso l’università degli studi di Foggia. La sua ricerca verte sulla differenza sessuale e sul tema del riconoscimento, tema al quale ha dedicato tre libri. Ha curato volontariamente l’archivio di storie di vita delle donne ospiti presso il centro antiviolenza e antitratta “Libera” della provincia di Lecce.

Il libro pare riprendere interventi differenti nell’ambito della questione del patriarcato e del post-patriarcatoDall periferia del patriarcato e alle nuove frontiere del femminismo. Dalla femminilizzazione della società e delle politiche pubbliche alla reinventare del lavoro. Dall’autorità femminile alle pratiche di riconoscimento.

Lo storicismo, che è quasi solo universitario, è senza storia, senza ricerca, e quindi dà per acquisito quello che invece è da indagare e da leggere, appena per fare due esempi: la teoria del riconoscimento e la teoria dell’autorità femminile. La gnosi, l’episteme, l’approccio gnostico è semplice: dato il male ne viene stabilita l’economia. E tutta una questione di antidoto, contro l’assenza di riconoscimento dell’altro, che non è una prerogativa solo del padrone in Hegel, come contro l’autorità maschile. Che invece il riconoscimento e l’autorità abbiano un altro statuto non è neanche preso in considerazione. Non fa parte del sistema delle convenzioni, che ha l’università come un attante tra gli altri.

Irene Strazzeri dà per acquisito che il patriarcato sia in transizione verso il post-patriarcato. Il centro è ormai in declino. Ma c’è il rischio di non affrontare le difficoltà interpretative e di estendere le periferie sociali e simboliche. In effetti ritagliando la realtà su questi fantasmi è tolta la piega della parola e non resta che oscillare tra inclinazioni personali e declino sociale.

Il patriarcato, come il matriarcato è un fantasma, un tentativo di padronanza e di controllo della vita. Non c’è il patriarcato come megamacchina storica che sia oggi in transizione verso un post-patriarcato… Il fantasma non ha durata. Il compromesso non evita d’essere sovvertito dalla missione. La sinagoga è sovvertita da Gesù. La chiesa è sovvertita da Francesco. Che poi ognuno sia duro d’orecchi e non intenda quel che non vuole, non può e non deve intendere, è un’altra storia.

Irene Strazzeri, Post-patriarcato. L’agonia di un ordine simbolico, Aracne, 2015.


Gli altri articoli della rubrica Comunicazione :












| 1 | 2 | 3 |

19.05.2017