Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Metafisica dello zero, di Fortuna Della Porta

Monica Cito
(9.04.2013)

«Venite, tuccateme ‘o core/aiutatem’a fa na poesia/’mpupazzata a festa»
(dalla prima bandella di copertina)

Fortuna mi mancava, le sue dediche semplici su libri complessi ed intensi, le sue parole come fave secche sgusciate al tac mortale della carezza incisa, la sua poesia assoluta sul tempo che scorre “scostumato” e l’andirivieni della culla entro la quale tutti noi dondoliamo sino alla morte.
Mi mancava la forza dell’esistenza che due soltanto hanno prodotto in Italia: Fortuna ed Alda Merini, e secondo me – non per amicizia e basta – Fortuna è superiore anche a quest’ultima, perché manipola le parole come operaio plastico, bimba ostinata al das, per dar forma olistica al vivere.

Opera di Christiane Apprieux

Frantuma e sospende, in quest’opera, lo spazio-tempo ossessione di sempre. Parcellizzato e filigranato in ricordi da “vecchietta” quasi-semplice, come lei sola sa fare nell’essere assolutamente ermetica ed assolutamente filigranata ed architetto dei luoghi minuziosamente rimembrati e mai descritti; perché c’è sempre tempo tempo tempo per ricordare l’ambiente ed il particolare e non ve n’è più più più quando si rimane soli.
Non so se quest’ultima è l’ossessione di Fortuna; so che è la mia e rimane stampata ogni volta nel sonno e nelle veglie, meglio riagganciata alla pelle dopo e durante la lettura di tutte quante le sue poesie.

Se c’è scrittore, è lì dove l’estasi rapisce e costringe al sospeso, in fluide volate sul mondo, su tappeti d’oriente e per noi sud, in attesa d’un mondo migliore.
Adesso necessita un vagone di libri di Fortuna, un vagone stracolmo delle sue pagine intense; libri a peso nello stomaco sospeso sul margine arrendevole delle forze, l’attesa e la distesa infinita appena trascorsa delle ore-giorni, l’angoscia, il non potere più il non volere più il non esserci più, infine.

Fortuna mi mancava e non mi manca meno in vernacolo, nel suo particolare miscuglio di tutto quanto è andato: liceo, università, fanciullezza; latino, greco e tutte le letture, ad una ad una sospese come noi nel vortice delle poesie d’autore; assolute mortelle masticate piano, ingoiate tardi, fuse al sangue della dimestichezza: estatiche.

Penso che Fortuna abbia fatto bene a dedicare la sua vita a scrivere, perché i libri di Fortuna fanno bene ad esistere, perché li si legga e si tremi e si tema la vita, che soltanto così, e spesso ingiusta per i più, val la pena d’essere vissuta; è vita e basta, come la vera scrittura che la descrive e non c’è, secondo me, miglior poeta oggi di Fortuna Della Porta.

Cosa sia questa scrittura meglio di noi lo diranno i posteri. E quanti silenzi e verità nasconde per perdonare libero il passato e cedere all’assoluto dell’esserci sempre: anche questo approfondiranno i posteri. Adesso c’è l’assoluta contemporaneità di questa giovane donna di nome Della Porta, nata a Nocera Inferiore senza data stampigliata apposta in una nota biobibliografica sobria e alta. Come TE, Fortuna, GRAZIE!

Giovane nell’assottigliare e sminuzzare principi, credo impregnanti la pagina, laicità assoluta d’una fede superbamente soggettiva, calda, arguta calata nella sensualità misteriosa e argentee allusioni, sempre: perché «chi sono» non ve lo dicano i posteri, e rimanga la poesia, come scelto dal dolce narcisismo pudico e dal fiato costante dell’amore.

Penso che, come ogni donna, Fortuna nasconda sogni inconfessabili e libertà mentali inesprimibili, ebbrezze spontanee e filigrane entro le quali nascondere perle rubate ai mari.
Ma, come poeta, Fortuna strabuzza gli occhi all’oggetto e lo rende carne. È qui la differenza tra semplici nostalgie ed inarrendevole ardore.

La divergenza assoluta, la guerra delle infinite stagioni di mezzo che si occupano dei nostri corpi dopo i quaranta; l’attesa dell’esserci ogni giorno e del cotidie fumante d’odori erboristici, misture che prendono corpo dal passato nella memoria di oggi, e tutt’una la vita procede indefessa verso una meta segnata e dolorosamente attesa; impotente scorrere di finitudine nostra, alla quale non si vuol credere. Mai.

… E anche questa volta, non ho saputo descrivere ciò che nel libro si canta: la filosofia.

Metafisica dello zero è edita nel 2012 da LietoColle, Falloppio, Como, nella Collana Oro, Il Graal 81. Con pregevole nota introduttiva di Lidia Gargiulo, intitolata “L’anima delle cose”.


Fortuna Della Porta è nata a Nocera Inferiore (Salerno).
Laureata in lettere, ha insegnato per diversi anni.
Ha pubblicato sei raccolte di versi. Molti testi in antologie, tra le quali William Shakespeare, I Sonetti, patrocinata dall’Università di Berlino.
Articoli e saggi critici compaiono con regolarità sui maggiori periodici letterari sia cartacei sia on line.
Ha partecipato a festival internazionali e conta numerosi premi e riconoscimenti.

Monica Cito è nata a Telese Terme nel 1972.
Avvocato perfezionato in diritto penale minorile ed articolista di portali letterari e giuridici, anche di rilevanza internazionale.
Si è formata alla Scuola per Amministratori – S.P.A. 2012. Nello stesso anno pubblica, su commissione del Movimento Cristiano Lavoratori, il saggio Attività amministrativa della Pubblica Amministrazione e attività amministrativa dei privati, Simple edizioni, Macerata.
È altresì autrice, per TBM (canale 212 digitale terrestre Puglia), di una rubrica di deontologia forense.
Curatrice dell’antologia Storie a Mezzogiorno, edizioni Simple Macerata 2009; giurata di “Parlami d’amore”, edizione 2012, del caffè letterario “La luna e il drago”, ad ideazione e cura della scrittrice Anna Montella; proviene da numerose esperienze redazionali, tra le quali Il Cavallo di Cavalcanti Azimut editore Roma.
Presente in antologie poetiche, curatrice d’introduzioni e postfazioni, nel 2005 ha pubblicato il romanzo “Venere, io t’amerò” per i tipi di Giulio Perrone Editore, Roma. Per il quale le è dedicata una voce, a cura del professor Ettore Catalano (ordinario di Letteratura Italiana all’Università di Bari) nel dizionario Letteratura del Novecento in Puglia 1970-2008, Progedit editore, Bari, 2009.
Dopo un’intensa attività di volontariato all’interno dell’Associazione Italiana Celiachia, costituisce il Comitato Autonomo Gluten Sensitivity, per dare voce, attraverso la convegnistica, ad una nuova cittadinanza attiva per il mercato del senza glutine e la libertà e salute alimentare.


Gli altri articoli della rubrica Poesia :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | ... | 16 |

15.11.2017