Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Attraverso il cinema del ventennio fascista

“Il Cinema è l’Arma Più Forte”

Martina Biscarini
(5.03.2012)

Prima del fascismo: ascesa poi declino poi grande ascesa poi lento declino


Il primo film a soggetto italiano la dice lunga su come si orienterà la futura produzione: si chiama La Presa di Roma, è del 1905, il regista è Filoteo Alberini ed è una pellicola capostipite del filone storico monumentale, che assieme al melodramma e al dramma realistico e alla commedia (che pure si diffonde dal ’05) costituiranno i generi in voga.

Il cinema italiano “muove i primi passi pensando in grande e puntando, senza alcun complesso di inferiorità, al mercato internazionale ” . L’Italia è all’epoca un paese definibile come proto­industriale, lo sviluppo economico non è omogeneo, la lingua parlata dagli italiani non è ancora una sola. Di conseguenza, il cinema italiano non nasce Roma­centrico: uno dei massimi studiosi di storia del cinema italiano, Gian Piero Brunetta, nota con un certo stupore come nel 1907 è piuttosto Torino ad essere la capitale del cinema italiano . Dal ’12 al ’15 sono gli anni migliori del cinema italiano delle origini.

Leggere il testo integrale

PDF - 519.9 Kb
Martina Boscarini, "Il cinema è l’arma più forte"

Gli altri articoli della rubrica Cinema :












| 1 | 2 | 3 |

19.05.2017