Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


TRANSFINITO International Webzine

Mario Martinelli, "Il Granduca"

Marina Monego
(20.06.2010)

Una “sinottica dello sguardo”, una panoramica a volo d’uccello presenta, nel primo capitolo, lo scenario del romanzo: la Schüsseltal o Val Scodella, sperduta vallata trentina formata da quattordici case, che hanno visto generazioni passare tra le loro mura, dominate dai ruderi di un antico castello, oggetto di sinistre leggende.

Svetta sopra la valle il Grossherzog – il Granduca – una cima intatta e inviolabile, un nume dispotico e temuto, da trattarsi con rispetto e reverenza.
A questa terra ritorna, dopo molti anni, Luino: andatosene ancora ragazzo per cause di forza maggiore – era rimasto orfano insieme al fratello minore – è ormai un cinquantenne, un viandante con il cappello a falde larghe e una strana pipa, che riproduce un vecchio barbuto, il cui copricapo funge da coperchio per il fornello.

I genitori e, successivamente, suo fratello sono morti sul Grossherzog, lui ora vuole rivedere quei luoghi, vuole scoprire meglio le circostanze dei tragici eventi, vuole conoscere la montagna, sentirla, capirne l’essenza.
Il ritorno per Luino è anche incontro con i pochi abitanti rimasti nella Val Scodella, quasi tutti piuttosto anziani, visto che i giovani sono emigrati alla ricerca di condizioni di vita più comode.

Sarà rigenerante per il protagonista conoscere quegli animi semplici, genuini, riservati, cordiali, ma senza smancerie o affettazione. Sono i “detentori delle chiavi per accedere all’anima delle montagne”, pieni di gratitudine per la vita, benché faticosa nelle loro valli. Hanno caratteri temprati dalle difficoltà e dal lavoro e una saggezza che nasce da un rapporto sano con i tempi della vita.

Leggere il testo integrale

Marina Monego, "Mario Martinelli, ’Il Granduca’"

Opera di Neysa Grassi (New York)

Gli altri articoli della rubrica Editoria :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 |

4.12.2018