Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Mp4-PM4 Codice Inverso: il nuovo corso di formazione per Venditori

Paolo Pianigiani
(29.04.2008)

Mp4 - PM4 Codice Inverso: il nuovo corso di formazione per Venditori

Adaci, sezione Toscana - Umbria



Presentazione

Il perché



Intanto perché si chiama così? Perché è la prima volta che gli Acquisitori dicono ai Venditori come si può lavorare insieme. E lo fanno nel modo più chiaro possibile, addirittura con un corso di formazione. Da qui il nome, che richiama la novità dell’inversione di tendenza. Non si tratta di un corso pensato da specialisti delle Vendite per Venditori, ma sono i più naturali interlocutori dei Venditori, gli Acquisitori, che propongono un percorso formativo nuovo, che ha lo scopo di chiarire ai partecipanti, come ci si deve comportare oggi sul mercato.

Il come



Chissà quante trattative commerciali, bene impostate, con ottime prospettive di portare utili collaborazioni e splendidi e duraturi risultati a due aziende, sono miseramente naufragate perché a un certo punto qualcosa ha impedito che le premesse si trasformassero in risultati.

Spesso e volentieri il motivo principale dell’insuccesso deve essere ricercato nella mancata capacità da parte dei due professionisti che hanno condotto la trattativa, di analizzare fino in fondo tutte le possibilità di accordo. A volte, a rovinare tutto, intervengono fattori di incomprensione reciproca, quando proprio non si scende nell’antipatia personale, che rovina tutto e impedisce qualsiasi comunicazione.

Un altro fattore di possibili insuccessi è da ricercare nella diversa impostazione data all’incontro: da una parte l’Acquisitore pretende cose che non sono chiare al Venditore; ci sono diversi valori attribuiti alle parole, ai concetti base. Insomma si parlano due lingue diverse e inconciliabili fra loro.
Una possibile soluzione a questi aspetti negativi può essere portata da una formazione mirata alla soluzione di questi “colli di bottiglia”, imprevedibili ma spesso presenti, a cui nessuno fino ad oggi ha prestato attenzione. I corsi tradizionali insegnano ai Venditori come diventare bravi a convincere gli Acquisitori e viceversa agli Acquisitori viene insegnato a difendersi dai “trucchi” dei Venditori.
Non c’è più spazio per questi modi di pensare, occorre andare oltre.

La necessità di un linguaggio comune

Si deve prima di tutto imparare a parlare la stessa lingua, a comprendere meglio le posizioni e le esigenze in campo. Prima di far saltare un possibile accordo su una trattativa, occorre che le carte in gioco siano comprese con chiarezza da tutti, senza i soliti e onnipresenti malintesi. E senza l’incomprensione reciproca che spesso emerge nelle contese commerciali più tese.

Per un Venditore diventa essenziale conoscere quali sono i compiti, le responsabilità, i modi di pensare, delle persone che lavorano in un Ufficio Acquisti. Ma non, come spesso accade, per scoprirne i punti deboli o influenzabili (queste cose le insegnano in certi corsi di vendita che ormai hanno fatto il loro tempo). Si tratta di conoscere per migliorare i margini della trattativa, risparmiare tempo e aumentare le possibilità di successo per sé e la propria azienda.

Chi meglio di un Acquisitore può spiegare a un Venditore cosa vuole da lui? Qual’è l’atteggiamento che permette fin da subito un buon rapporto di lavoro?



I docenti



I docenti che condurranno il corso sono professionisti nei tre campi di intervento:

Un Esperto di Comunicazione, che analizzerà le due professioni nel momento del dialogo, quando si fa più importante la necessità di una trasmissione chiara delle forme e dei contenuti della trattativa.

Un Responsabile Vendite, che spiegherà gli aspetti della professione e il ruolo del Venditore nel mercato attuale, sia pubblico che privato.

Un Responsabile Acquisti, che parlerà di come è strutturato un Ufficio Acquisti, quali sono le priorità dell’Acquisitore in una trattativa, quali sono gli atteggiamenti da evitare per il Venditore.



In conclusione



Si tratta di un corso di vendita assolutamente nuovo, che permetterà ai partecipanti di apprendere, da professionisti esperti dei settori Comunicazione, Vendite e Acquisti, un modo nuovo e diverso di lavorare.



Il Corso si terrà a San Miniato (Pisa), a Villa Sonnino, il 28 e il 29 Maggio 2008.

Per informazioni: Adaci Formanagement Srl S.U. Tel. 02 40090362


Gli altri articoli della rubrica Impresa :












| 1 | 2 |

26.04.2017