Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


TRANSFINITO International Webzine

10.11.2018


Filosofia

Leggendo "Transizioni", a cura di Federico Sollazzo

Giancarlo Calciolari
(28.10.2018)

Cifrematica

Il figurante

Giancarlo Calciolari
(3.10.2018)

Psicanalisi

Lo psicopompo

Giancarlo Calciolari
(28.05.2018)

Scienza

Leggere Luigi Foschini. A proposito di "Fisica del tempo"

Giancarlo Calciolari
(17.05.2018)

Strategia

Le donne, gli uomini, il viaggio

Giancarlo Calciolari
(5.05.2018)

Storia

Ciarlatani

Giancarlo Calciolari
(12.04.2018)

Corpo e scena

Beato quel servo

Giancarlo Calciolari
(12.04.2018)

Letteratura

Armatura dell’edificio freudiano

Giancarlo Calciolari
(12.04.2018)

Politica

Chiesa e esercito

Giancarlo Calciolari
(12.04.2018)

Religione

Scriba senza dio

Giancarlo Calciolari
(12.04.2018)

Teologia

L’albero, ovvero l’inesistenza del male

Giancarlo Calciolari
(12.04.2018)

Comunicazione

Balbuzie: un granello di poesia

Giancarlo Calciolari
(12.04.2018)


Chiarezza e distinzione

La morte è lo scrigno del nulla, connesso al segreto dell’essere. La morte come riparo dell’essere. La mistica del nulla, della morte, del riparo, dell’abitare. Non l’essere e il nulla: l’essere è il nulla. Anche l’avere è il nulla, e prima di diventare nulla pone la questione dello sterco del diavolo. L’essere nega il non dell’essere. L’avere nega il non dell’avere. Al suo posto s’instaura il nome del nome, e anche quello che Lacan chiama il nome del padre. Il nome dell’essere e il nome dell’avere. Il nome del fallo. Il nome della morte, il nome del nulla. Il nome dello zero: l’azzeramento. La normazione è la geometria esecutiva, che è anche un pleonasmo. Gli animali razionali devono divenire mortali, traspropriare. E non è ancora la transustanziazione.

14.12.2017